Archivio Successioni

  • NULLITA’ DEL TESTAMENTO OLOGRAFO

      * Cassazione, ordinanza 10 aprile 2020, n. 7784, sez. VI – 2 civile In materia testamentaria, l’attore titolare della legittimazione ad esercitare le azioni di nullità ed annullamento non è esentato dal dimostrare la sussistenza di un proprio concreto interesse ad agire, per cui l’azione stessa non è proponibile in mancanza della prova, da […]

  • LEGITTIMARIO PRETERMESSO ED ACQUISTO DELLA QUALITA’ DI EREDE

    Cassazione, ordinanza 7 febbraio 2020, n. 2914, sez. II civile   Il legittimario totalmente pretermesso, proprio perché escluso dalla successione, non acquista per il solo fatto dell’apertura della successione, ovvero per il solo fatto della morte del “de cuius”, la qualità di erede, né la titolarità dei beni ad altri attribuiti, potendo conseguire i suoi […]

  • DIES A QUO DEL TERMINE DI PRESCRIZIONE DELL’AZIONE DI ANNULLAMENTO

    Cassazione, sentenza 20 febbraio 2020, n. 4449, sez. II civile Il “dies a quo” di decorso del termine di prescrizione quinquennale dell’azione di annullamento del testamento olografo per incapacità del testatore, ex art. 591 c.c., va individuato in quello di compimento di un’attività diretta alla concreta realizzazione della volontà del “de cuius” – come la […]

  • ESECUTORE TESTAMENTARIO E RELATIVO UFFICIO

    SUCCESSIONI Cassazione, ordinanza 28 febbraio 2020, n. 5520, sez. II civile L’esecutore testamentario, mentre è titolare “iure proprio” delle azioni, relative all’esercizio del suo ufficio, che trovano il loro fondamento e il loro presupposto sostanziale nel suo incarico di custode e di detentore dei beni ereditari ovvero nella gestione, con o senza amministrazione, della massa […]

  • PRESUPPOSTI DELL’ AZIONE DI RIDUZIONE

    Cassazione, ordinanza 21 febbraio 2020, n. 4694, sez. VI – 2 civile L’azione di riduzione proposta contro un soggetto che è legittimario al pari del legittimario attore implica che il convenuto abbia ricevuto una donazione o debba beneficiare di una disposizione testamentaria per la quale venga ad ottenere, oltre la rispettiva legittima, che è anche […]

  • AZIONE DI RIDUZIONE E REINTEGRAZIONE DELLA QUOTA DI RISERVA DEI LEGITTIMARI

    Cassazione, ordinanza 21 febbraio 2020, n. 4709, sez. VI – 2 civile In caso di vittorioso esperimento dell’azione di riduzione per lesione di legittima, indipendentemente dalla circostanza che essa sia indirizzata verso disposizioni testamentarie o donazioni, i frutti dei beni da restituire vanno riconosciuti al legittimario leso con decorrenza dalla domanda giudiziale e non dall’apertura […]

  • RINUNCIA ALL’EREDITA’ ED INTERESSE DEI CREDITORI

    Cassazione, ordinanza 4 marzo 2020, n. 5994, sez. VI – 2 civile Per l’impugnazione della rinuncia ereditaria ai sensi dell’art. 524 c.c. il presupposto oggettivo è costituito unicamente dal prevedibile danno ai creditori, che si verifica quando, al momento dell’esercizio dell’azione, i beni personali del rinunziante appaiono insufficienti a soddisfare del tutto i suoi creditori; […]

  • DISTINZIONE TRA EREDITA’ E LEGATO

    Cassazione, ordinanza 5 marzo 2020, n. 6125, sez. VI – 2 civile In tema di distinzione tra erede e legatario, ai sensi dell’art. 588 c.c., l’assegnazione di beni determinati configura una successione a titolo universale (“institutio ex re certa”) qualora il testatore abbia inteso chiamare l’istituito nell’universalità dei beni o in una quota del patrimonio […]

  • INCAPACITA’ DI TESTARE

    * Cassazione, sentenza 4 marzo 2020, n. 6079, sez. II civile È valido il testamento redatto dal de cuius se, al momento della redazione della scheda testamentaria contestata, questi viene ritenuto capace di autodeterminarsi. Lo stato di incapacità naturale, rilevante ai sensi dell’art. 591 c.c., deve essere provato in modo rigoroso e con specifico riferimento […]

  • DISTINZIONE TRA LEGATO ED ISTITUZIONE A TITOLO UNIVERSALE

    * Cassazione, ordinanza 5 marzo 2020, n. 6125, sez. VI – 2 civile L’assegnazione di beni determinati configura una successione a titolo universale, instituito ex re certa, qualora il testatore abbia inteso chiamare l’istituto nell’universalità dei beni o in una quota del patrimonio relitto, mentre deve interpretarsi come legato se egli abbia voluto attribuire ai […]